L’oroscopo infame: Scorpione

 

(23 ottobre – 21 novembre)

Nell’astrologia occidentale, lo scorpione è un segno zodiacale d’acqua e fisso. È governato da Plutone e da Marte, quest’ultimo in qualità di co-governatore. In questo segno Venere in esilio e la Luna in caduta con esaltazione di Mercurio. È opposto al segno del Toro, scoperta che non interesserà a molti, ma terrorizza il Toro che scrive, marito e padre di due Scorpioni.

Continua a leggere

Annunci

Il tacco di Meggiorini. Olio su tela

meggiorini.680x365_c

Meggiorini, visto di tacco

Ci vuole coraggio. Ci vuole quella che gli studiosi di ogni tempo hanno definito “botta di culo”. E naturalmente mezzi tecnici non comuni. Quando nel calcio una scintilla magica fa funzionare all’unisono queste componenti indipendenti e spesso impazzite, succedono cose come il gol di Maradona in serpentina ai mondiali del 1986 o quello di Van Basten agli europei due anni dopo. O ancora come quello di Pelè di testa all’Italia nella finale mondiale del 1970 o quello di Zidane nella finale di Champions League del 2002.

Continua a leggere

I brutti ceffi della Coppa America

cavani_jara

“Terzo tempo” e terzo dito alla fine di Cile-Uruguay

 

Capita quasi subito, guardando una qualunque partita della Coppa America, che ci si senta fortunati a non trovarsi in quel momento su quel campo. O, se proprio servisse scegliere, di preferire, senza dubbi alcuni, la più comoda sciagura di incappare al centro della battaglia tra due eserciti che si odiano.

Continua a leggere

Ho sognato Socrates

Socrates

Di spalle, Socrates (o Casagrande)

 

Non sogno spesso, ma la notte scorsa si è fatto vivo nei miei paraggi onirici Sócrates Brasileiro Sampaio de Souza Vieira de Oliveira. Socrates, insomma. Di lui e della sua vita reale – sono piuttosto giovane – ho ricordi molto sbiaditi, principalmente televisivi. Di un tizio segaligno con la barba e la maglia viola della Fiorentina con la scritta “Opel”. Di un elegantissimo spaventapasseri. Di una faccia rabbuiata, quella del Sarrià. E poi di un’intervista a un tale, credo si chiamasse Pelè, che lo definisce “il giocatore più intelligente della storia del calcio brasiliano”.

Continua a leggere