Ma viecce te a batte li rigori

shutterstock_190031882

Il dischetto (ovvero l’attore non protagonista)

 

So’ Nino, e so’ più de trent’anni che me rompete li cojoni co’ ‘sta storia der carcio de rigore. Trent’anni e passa a dimme de nun ave’ paura, che le cose importanti de la vita so’ artre, e ner frattempo a chiedevve se stavamo a parla’ de Agostino Di Bartolomei, che (brutti ‘gnorantoni) era arto uno e ottanta e portava pure er dieci, o de Bruno Conti, che nun c’aveva paura manco de li ladri in casa figurateve de tira’ ‘n carcio de rigore, o de ‘sta generazzione de debbosciati che poi è quella der sessantotto. Senza sape’ che quer Nino esiste pe’ ddavero, artroché, e quer Nino so’ io, Nino Mariani de Torpignattara, che io sì so der 1968, e che è da quanno c’ho dodici anni che c’ho ‘n core pieno de paura.

Continua a leggere

Elettricità

pippo_inzaghi

Pippo Inzaghi in una posa inedita

 

Nei miei trent’anni di calcio e forse qualcosina in più, ho visto solo un calciatore così. Con la scossa elettrica. Breve. Scomposto. Furbo. Precario. Impaziente. Con una furia cieca/fame/ansia per lo spazio libero, la posizione, l’errore del difensore, il gol. Il gol. Il gol.

Continua a leggere