Zio porco, s’è rotto l’Orco!

sebastien_chabal

Sebastien Chabal (poi non dite che gli orchi stanno solo nelle fiabe)

 

Più malinconico che cattivo, l’ultimo Chabal esce di scena con un ginocchio rotto e nell’indifferenza generale. Che sfiga questa conclusione da anonimo ciccione, senza riflettori, fuochi d’artificio, giri di campo. Il finale che le fiabe assegnano agli orchi non è quasi mai felice, ma il suo purtroppo è persino beffardo, sfortunato, mesto. Mannaggia.

L’ex campione francese di rugby, che già l’anno scorso aveva dato l’addio ufficiale a questo sport, si è rotto il crociato del ginocchio sinistro nell’ultimissima esibizione della sua carriera, una partita giocata assieme a diverse vecchie glorie della palla ovale a Lione per salutare per sempre i teatri di questo sport. E quel baraccone mediatico che lo ha reso un’icona, stavolta, inspiegabilmente si è quasi dimenticato di lui. L’Orco è sceso in campo e ha giocato appena venti minuti, poi un movimento brusco della gamba lo ha mandato per terra, dolorante, sconfitto, impotente. E in quel momento è finita per davvero l’epopea del più folkloristico campione francese di rugby, una sorta di moderno neanderthaliano, mai considerato dai grandi club e spesso snobbato in Nazionale, ma infinitamente amato dai francesi, dai pubblicitari, dai mass media.

Con quella faccia così, quel corpo maestoso, quell’incedere da bruto, Sebastien Chabal non poteva non infilare il rugby dopo la fabbrica nella sua traiettoria di vita e di sport. Ma – a parte qualche esagerazione verbale e qualche baruffa in campo e appena fuori, l’indimenticabile sguardo prepotente piantato in faccia agli All Blacks che ballano l’haka ai Mondiali del 2007 – l’Orco è un uomo buono, gentile, persino umile. Solo che, davvero, per lui avremmo immaginato un finale diverso. Un epilogo più fiero dello stupido protagonismo di un legamento che si rompe e piega le gambe a questo colosso. In una partita che, peraltro, non serve ai palmares, agli annali, alle glorie vere e proprie. Come altre delusioni della sua carriera, Chabal ha incassato e portato a casa con signorilità. “Meglio a me oggi che a qualcun altro ancora in attività”, ha detto dopo l’infortunio. Chapeau Orco e in bocca al lupo!

p.s.: ma un Orco ci entra nella bocca del lupo?

D.S.

 

PHOTO CREDITS: http://www.ibtimes.co.uk/sebastien-chabal-faces-year-long-ban-after-knock-out-punch-video-1429653

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...