Ma viecce te a batte li rigori

shutterstock_190031882

Il dischetto (ovvero l’attore non protagonista)

 

So’ Nino, e so’ più de trent’anni che me rompete li cojoni co’ ‘sta storia der carcio de rigore. Trent’anni e passa a dimme de nun ave’ paura, che le cose importanti de la vita so’ artre, e ner frattempo a chiedevve se stavamo a parla’ de Agostino Di Bartolomei, che (brutti ‘gnorantoni) era arto uno e ottanta e portava pure er dieci, o de Bruno Conti, che nun c’aveva paura manco de li ladri in casa figurateve de tira’ ‘n carcio de rigore, o de ‘sta generazzione de debbosciati che poi è quella der sessantotto. Senza sape’ che quer Nino esiste pe’ ddavero, artroché, e quer Nino so’ io, Nino Mariani de Torpignattara, che io sì so der 1968, e che è da quanno c’ho dodici anni che c’ho ‘n core pieno de paura.

Comm’è come nun è, la storia mia è questa qua. Giocavo all’ala destra co’ l’esordienti d’a Certosa, che era la scola carcio d’a zona Nord der quartiere mio. Pe’ bravo ero bravo, ero veloce e sartavo li terzini buttannome la palla avanti e sgusciando alle spalle loro e schiscianno le spallate che provaveno a rifilamme. Facevo la fortuna de Rizzo, lo spilungone che giocava cor nove e che segnava vagonate de golle co’ li cross e li passaggi firtranti mei. Che infatti la canzone lo dice pure, che ce vò l’artruismo a sto gioco qua. C’evevo er dribbling secco e ‘n certo talento p’er “numero” como dice mo’ st’invasato de Piccinnini. Che in effetti entra’ in area pallarpiede era proprio robba mia, e ‘nfatti poi arivava lo stoppere che pesava er doppio de li chili mia e m’azzoppava. Artri golle facili pe’ Rizzo, che tirava li penalti co’ certe bombe sotto alla traversa che sembrava ‘n granatiere.

Fino a quella volta lla, che proprio er Principe in tribuna se doveva da trova’, co Rizzo sull’ambulanza, che il cinque de l’Olimpia l’aveva sfonnato la capoccia su un crosse mia, e co sto cazzo de rigore da batte. E tutti a guardamme, e io a guarda’ da n’antra parte. E tutti a veni’ da mme, e io gnente. E quella testa de cazzo der mistere a insiste che io an certo punto gliel’ho proprio dovuto da di, che c’avevo n’anzia che la meta’ bastava e che manco se me scappellavano la fava io andavo sur dischetto. Che poi sta brutta bestia de l’anzia mica l’ho superata più. Manco un rigore ho tirato a tutta la cariera mia, che pure è durata vent’anni artri da quer pomeriggio lla. Ma c’ho avuto raggione io, alla fine. Perché, mentre io me facevo la carieretta mia tra intereggionale e promozione co quarche anno pure alla C2, sai quanti ne ho visti io “di calciatori tristi che non hanno vinto mai, e che hanno appeso le scarpe su qualche tipo di muro e adesso ridono dentro un bar”? E no pecché erano piu’ scarsi de me, ar contrario! Gente co du piedi fatati che s’è nculata la cariera pecché nun c’ha avuto testa pe capi’ ndo dove stava er limite sua.

Quello mia stava nella capoccia, ma io c’ho sapevo e l’ho rispettato. Perché bisogna ave’ rispetto della paura. E io e la paura mia semo cresciuti a braccetto, e ce semo sempre voluti bene. E je devo di grazzie, alla paura mia, se in vent’anni de calcio me so potuto compra’ la machina, e paga’ l’affitto e daje e daje anche scappa’ da sta mmerda de Torpignattara e compramme er villino a la periferia tranquilla: che ar Quadraro s’è chiuso er cerchio de la vita mia. Che er destino s’è divertito pure co lle parole.

G.M.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...