Lucio, la Virtus e l’anno che verrà

binelli2

Lucio Dalla, Gus Binelli, coach Bucci e il pick and roll

 

E ora chi glielo dice, a Lucio?

Chi glielo spiega, che le sue amate Vu nere, al culmine di una stagione piena zeppa di rimpianti, sono in A2? Che, per la prima volta dopo 87 anni di storia, sono retrocesse sul campo?

Continua a leggere

Annunci

L’arbitro non fa il monaco

rizzoli

Nicola Rizzoli, il miglior arbitro italiano di calcio

C’è una domanda che mi ronza in testa da circa 20 anni. Da quando, cioè, il mio talento sotto il livello di decenza e la mia lungimiranza sopra la media favorirono il mio prematuro trapasso da sportivo scarso ad allenatore medio. La domanda è: perché uno sportivo nelle mie stesse condizioni decide di diventare arbitro?

Continua a leggere

El Diablo secondo

chiappuccifoto

Al Sestriere, la volta in cui Claudio Chiappucci arrivò in prima posizione e la Fiat in seconda (marcia)

 

Come una irrisolta e irrisolvibile antinomia, c’è il senso di una consolante gratificazione oppure di una sgradevole presa per il culo. Il secondo posto come categoria esistenziale prima che sportiva, una sfida proibitiva e perenne ai più forti, e poi ancora cuore, testa e gambe da scalatore (e solo quelli), sono cose che fanno un ciclista formidabile, romantico, protagonista, ma difficilmente campionissimo. Questo fu Claudio Chiappucci. Un vincente con pochi allori.

Continua a leggere

L’altro Sanremo

I patron dell'altro Sanremo

I patron dell’altro Sanremo

 

La cosa doveva rimanere segretissima, ma a Infamedipalla non si sfugge. L’isteria collettiva che da sempre accompagna il Paese durante il Festival della canzone italiana ha contagiato anche il mondo del pallone. Lo scorso weekend, alla vigilia della settimana sanremese, Massimo Ferrero e Enrico Preziosi, per niente preoccupati dall’andazzo di Samp e Genoa, hanno deposto l’ascia di guerra e inaugurato una strana comunità d’intenti.

Continua a leggere

Al ballo mascherato della Serie A

A Trigoria, finalmente, hanno trovato una spiegazione

A Trigoria, finalmente, hanno trovato una spiegazione

 

I giocatori, si sa, sono dei bambinoni cresciuti. Diremmo che soffrono della sindrome di Peter Pan, se non fosse che poi arriva il Condor, pensa che sia un trequartista britannico e prova ad ingaggiarlo a parametro zero. Ma insomma, ci siamo capiti. Del resto, immersi come sono nel loro mondo di playstation, figa, trasferte, discoteche, è difficile crescere, maturare, diventare adulti e prendere contatto con la realtà.

Continua a leggere

L’intervista infame: Carlo Laudisa

laudisa

Carlo Laudisa mentre si annoia all’ultima sessione di calciomercato

 

Infamedipalla ha incontrato a Milano Carlo Laudisa, storica firma della Gazzetta della Sport. Per farlo sentire a casa l’intervista è stata realizzata a Santu Paulu, il bar che ha spostato di qualche chilometro il centro della città meneghina per la folta colonia di salentini (come lui), importando a Milano il pasticciotto, delizia imprescindibile per chi è nato e cresciuto nel tacco dello stivale.

Continua a leggere